Benvenuti !

Credo in una cucina con meno prodotti di origine animale: fa bene a noi e fa bene all'ambiente.

Benvenuti nel blog della buona cucina italiana vegetariana

Prova le mie ricette anche durante le feste: stupirai i tuoi ospiti!

Per gli amici dei pelosi una nuova cena di Natale vegetariana

Il mio Natale comincia qui: una grande cena vegetariana per raccogliere fondi per questa splendida associazione che non solo assiste moltissimi cani che non hanno più un compagno umano, ma riesce, in moltissimi casi, a trovare loro una nuova famiglia per tanti momenti sereni insieme.

L'associazione A.Di.Ca Onlus è un canile rifugio in provincia di Lodi. Sta sviluppando un grande progetto: un canile rifugio moderno dove poter ricoverare i cani abbandonati che sono in attesa di una nuova famiglia che li voglia adottare. Per alcuni di loro però l'affido non è più possibile perché troppo traumatizzati o malati. Per loro è stato creato un rifugio dove possano vivere bene, accuditi con amore dai volontari e curati  da professionisti competenti.

Ovviamente, per mantenere e pagare questa struttura, servono molti soldi, la nostra cena vuole essere un contributo non solo dal punto di vista economico, ma anche di condivisione dei principi etici che A.Di.Ca Onlus vuole diffondere.

Molti di voi sono troppo lontani per poter partecipare alla cena vi invito, però, a ripensare al vostro Natale preparando qualche piatto vegetariano in più e con i prodotti del vostro territorio. In fondo la cucina mediterranea è fatta soprattutto da piatti senza carne e di prodotti che nascono vicino a casa nostra.

Non puoi partecipare alla cena???
Klicca qui per aiutare A.Di.Ca Onlus: compra un mattoncino!

Riso integrale saltato con verdure e uova

Il riso integrale ha una particolare tenuta alla cottura, si presta bene pertanto alle ricette che prevedono il salto  in padella con altri ingredienti.
Per questo piatto ho scelto zucchine e peperoni, ora di stagione e ricchi di salute.
Tra l'altro la saltatura veloce in padella permette di non disperdere troppi elementi nutritivi e ci dona il meglio del sapore.

Ingredienti
verdure di stagione 400 g (oggi peperoni e zucchine tagliati a listarelle sottili)
riso integrale già cotto 500 g
2 uova 0 (BIO)
scalogno o cipollotto fresco 100 g
aglio 2 spicchi
5 cucchiai di olio EVO
1 cucchiaio di salsa di soia
sale e pepe q.b.

preparazione
mettere in un wok, di buon spessore antiaderente, 2 cucchiai di olio evo con lo scalogno e l'aglio tritati e rosolare leggermente, aggiungere i peperoni e saltarli per 2 minuti a fiamma alta, aggiungere le zucchine, continuando a saltare a fuoco vivace per altri 2 o 3 minuti fino a che si sente il profumo della verdura rosolata.
Spostare la verdura così rosolata in un piatto e utilizzare la pentola così com'è, senza pulirla per mantenere l'aroma della rosolatura. mettere sul fondo 2 cucchiai di olio EVO e appena prende il calore strapazzare accuratamente le 2 uova.
Aggiungere il riso, cotto in precedenza, la salsa di soia, sale e pepe (poco sale perchè la salsa di soia già insaporisce) e amalgamare gli ingrediente a fuoco medio, aggiungere anche le verdure saltate, mescolare bene e spegnere il fuoco.
Lasciar insaporire per 5 minuti a pentola scoperta.
Servire con un filo di olio EVO a crudo.



tzaziki alla ricotta per chi ha poca voglia di cucinare


Caldo e poca voglia di cucinare: meglio, allora, prendere il frullatore e preparare questa splendida crema da spalmare sulle coste del sedano e su delle sfiziose bruschette appena tostate (meglio se preparate con del pane scuro)
La mia ricetta prevede l'uso della ricotta, al posto dello yogurt greco, per ottenere una crema meno "brusca" in bocca e sicuramente meno costosa per le nostre tasche.
Assolutamente da provare


Gnocchetti Tirolesi (spaetzli)


INGREDIENTI
TECNICO di CUCINA
Farina 0
400 g
Bastardella o ciotola
Uova
2
Frusta
Latte q.b.
400 g
Pentola alta
Sale q.b.
Attrezzo forato per spaeztli
Schiumarola di rete

Battere bene con la frusta le uova, unire il sale, aggiungere lentamente la farina ed il latte.

L'impasto dovrà esser una besciamella molto densa.

Si consiglia di lasciar riposare l'impasto per circa mezz'ora.

Riempire una pentola con acqua. Aggiungere un cucchiaino di sale. Sciacquare lo Spätzlehobel sotto l'acqua fredda.

Mettere lo Spätzlehobel su un piatto e riempire la "vaschetta" per ¾ con l'impasto.

Appoggiare lo Spätzlehobel sulla pentola in modo stabile e far scivolare la "vaschetta" avanti e indietro affinché gli gnocchetti cadano nell'acqua bollente.

Togliere gli gnocchetti dall'acqua dopo un minuto da che sono venuti a galla.


Sono ottimi conditi con sughi vari come primo o come contorna ad un secondo sugoso.

Harira senza carne


INGREDIENTI

Lenticchie secche BIO g 250
Concentrato di pomodoro 2 cucchiai
Cipolline borettane g 200
1 limone
1 ciuffo prezzemolo
Farina 2 cucchiai (rigorosamente BIO)
Coriandolo in polvere q.b. (possibilmente pestato fresco al mortaio)
Burro g 30
1 bustina zafferano
Harissa q.b.
Brodo di verdura 1 litro ( 1 carorta, 1 gambo di sedano, la parte verde di un piccolo porro, gambi di prezzemolo, 1 chiodo di garofano, 2 grani di pepe nero, far sobbollire per 20 minuti)

 PREPARAZIONE

Porre a bagno le lenticchie per mezz'ora
Preparare il brodo e filtrarlo.
Cuocere le lenticchie per 45' ca.
Scolarle e rimettere in pentola le lenticchie con il brodo filtrato e schiumato e proseguire la cottura a fuoco lento per ca. ½ ora.
Aggiungere, verso la fine, lo zafferano e il pepe.
Nel frattempo porre in casseruola 1/2 cucchiaio di coriandolo, il prezzemolo tritato, il concentrato di pomodoro, il succo di limone, le cipolline, il burro, l'harissa, sale e ½ litro d'acqua.
Portare quasi a cottura le cipolline poi aggiungere lentamente 2 cucchiai di farina, sciolta preventivamente in mezzo bicchiere di acqua;
Unire al brodo di lenticchie e far sobbollire per 5 minuti.
Servire decorando con foglie di prezzemolo o coriandolo e pane casereccio tostato oppure con un superveloce soda bread.

Nota: l'Harira è la classica zuppa che rompe il digiuno del ramadan nelle culture islamiche.

Con questa ricetta partecipo al contest "Lo Zafferano di" Le ricette della Nonna

Fave al pomodoro


INGREDIENTI   
Fave sgranate g 250, Pomodori g 250, Scalogno g 100, Olio EVO g 50, Vino bianco g 070, Salvia q.b., Ricotta salata g 70
PREPARAZIONE
Affettare lo scalogno e rosolarlo nell'olio con una foglia di salvia
Aggiungere le fave, rosolare per un minuto e aggiungere il vino
Fa asciugare il vino fino a che non si sente più l'odore dell'alcool
Aggiungere il pomodoro a pezzetti, aggiustare di sale e portare a cottura
Questo piatto può essere servito come contorno oppure, tenendo il sugo più liquido, come condimento per dei tagliolini fatti in casa per un ottimo piatto unico.
Si possono usare sia le fave fresche che quelle surgelate (che possono essere buttate in padella ancora gelate)

8 marzo: Edoardo Sanguinetti



Aprendo facebook oggi ho trovato questa bellissima poesia dedicate alle donne da un grande poeta. Una donna oggi l'ha dedicata alle donne, a questa donna auguro oggi di avere presto una figlia femmina.

Quando ci penso, che il tempo è passato,
le vecchie madri che ci hanno portato,
poi le ragazze, che furono amore,
e poi le mogli e le figlie e le nuore,
femmina penso, se penso una gioia:
pensarci il maschio, ci penso la noia.

Quando ci penso, che il tempo è venuto,
la partigiana che qui ha combattuto,
quella colpita, ferita una volta,
e quella morta, che abbiamo sepolta,
femmina penso, se penso la pace:
pensarci il maschio, pensare non piace.

Quando ci penso, che il tempo ritorna,
che arriva il giorno che il giorno raggiorna,
penso che è culla una pancia di donna,
e casa è pancia che tiene una gonna,
e pancia è cassa, che viene al finire,
che arriva il giorno che si va a dormire.

Perché la donna non è cielo, è terra
carne di terra che non vuole guerra:
è questa terra, che io fui seminato,
vita ho vissuto che dentro ho piantato,
qui cerco il caldo che il cuore ci sente,
la lunga notte che divento niente.

Femmina penso, se penso l'umano
la mia compagna, ti prendo per mano.

Edoardo Sanguineti


E, come tutti gli anni, dedico a voi il mio piatto per l'8 marzo
Gnocchi rosa con fonduta di capra e timo

Frittelle di mele alla cannella

Di una semplicità incredibile e di un gusto straordinario il miglior dolce per il mese di febbraio. 

Ingredienti:
3 mele BIO
1 limone BIO
250 g di farina
1/2 bustina di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di cannella
1 cucchiaio di zucchero
1 uovo
latte q.b.
Olio di arachide 1/2 litro
zucchero e cannella per la guarnizione finale q.b.

Preparazione:

Sbucciare le mele, tagliarle a metà e pulirle dai semi
Tagliare delle fette semicircolari e irrorarle di succo di limone
Miscelare la farina con il lievito, lo zucchero e la cannella, aggiungere l'uovo e il latte fino ad ottenere una pastella densa, che scrive (lascia il segno sulla superficie quando scende dal cucchiaio)
Scaldare l'olio fino a 175 °C in un pentolino da 16 cm, in modo da poter effettuare una cottura in olio profondo
Immergere le fette di mele nella pastella, raccoglierle con un cucchiaio così che un po' di pastella rimanga attaccata alla fetta di mela (questo permetterà di ottenere una frittella bella gonfia e morbida)
Friggere poche fette per volta in modo da non raffreddare troppo l'olio fino a doratura
Scolare su carta assorbente e poi rotolare nel mix di zucchero e cannella
Servire tiepido 



Tagliatelle di farro semintegrali

Fare la pasta in casa è di grande soddisfazione: costa poco, è buonissima (nessuna pasta fresca comprata è altrettanto buona), possiamo utilizzare le migliori farine e utilizzare farine alternative.
Oggi vi propongo queste tagliatelle con 2 farine di farro: una integrale e una fine.
Le proporzioni variano secondo il vostro gusto, eventualmente potete utilizzare metà farina di farro e metà semola, se il sapore di farro vi sembra un po' forte.
Per queste tagliatelle utilizzeremo anche un quantitativo di uova inferiore per renderle anche più leggere e salutari.
Ingredienti per 6 persone
farina di farro integrale 200 g
farina di farro fine 250 g
3 uova medie
4/6 cucchiai di acqua
un pizzico di sale
1 cucchiaino di olio EVO
Preparazione
Versare le farine sulla spianatoia e miscelarle
Rompere le uova in una ciotola una per volta
Creare un piccolo cratere al centro del mucchietto di farina e versarci un uovo per volta, aggiungere 4 cucchiai di acqua, il cucchiaino di olio EVO
Aggiungere il sale e cominciare a rompere le uova con una forchetta, iniziando a miscelare
Impastare, inizialmente con la punta delle dita, poi più energicamente con il palmo della mano fino ad ottenere una palla consistente ed elastica
, eventualmente aggiungere ancora poca acqua se l'impasto tende a sbiciolarsi
Far riposare la pasta 30'

Con il mattarello o con la macchina della pasta tirare una sfoglia fine, ma non troppo, in modo da ottenere una tagliatella rustica, infarinando il piano di frequente.
Per il taglio a mano piegare la sfoglia varie volte fino ad ottenere un rotolo
Tagliare delle strisce di circa 1 cm, aprire con cura e stendere su di un piano infarinato
Gettare nell'acqua bollente salata e scolare, dopo qualche minuto, quando sono morbide.



Proposte :

Maltagliati con legumi
In brodo con il cavolfiore

tagliolini al sugo di fave



tagliatelle al ragù di seitan

Pasta e fagioli

Le arance della salute

Banner AIRC
La buccia delle arance, con i suoi aromatici e stuzzicanti oli essenziali, entra spesso nelle mie ricette e non solo nei dolci: provate ad aromatizzare la frolla per una torta salata e ne rimarrete stupiti.
Oggi raccolgo l'invito della Cucina Italiana che anche quest'anno sostiene AIRC nella campagna LE ARANCE DELLA SALUTE per riproporre tre ricette vegetariane che hanno le arance come protagoniste.
Comincerei con questo cavolo rosso spadellato all'arancia, perfetto, per questa stagione, sia per la sua ricchezza in vitamine che per le salutari fibre. Arricchito con filetti di tofu, marinati nella salsa di soia e aggiunti nella fase finale di cottura, diventa un secondo piatto veloce e gustoso.
Fritti o cotti nel forno i samosa sono un piatto straordinario sia come aperitivo che come secondo piatto, in questa versione li ho preparati con farina di tipo 2, apportatrice di fibre, cavolo e arance che hanno tutto quello che ci serve per superare in salute la stagione fredda e tanto divertimento perchè sorridere fa bene e trovarsi nel piatto questi deliziosi involtini non può non farci sorridere.
Per finire un dolce speciale per grandi e piccoli: la tufella è una crema di cioccolato fondente, con poco zucchero e il profumo dell'arancia che la rende ancora più stuzzicante, perfetto l'accostamento con frutta fresca e fette di arancia aromatizzate alla cannella.




Ricette DETOX! una per ogni giorno della settimana

Durante i giorni di festa si esagera sempre un po'. Qualche giorno senza prodotti di origine animale ci aiuteranno a smaltire le calorie in eccesso e a disintossicarci.
I legumi ci saranno di grande aiuto per preparare piatti gustosi ma che non ci appesantiranno.
Piccoli suggerimenti: utilizzate spezie come cannella, curcuma, pepe, coriandolo, cumino, finocchio ma anche salvia, rosmarino, prezzemolo e quanto più vi piace per diminuire quanto più potete la quantità di sale. Altro suggerimento le minestre fatele molto brodose: riempiono senza aumentare le calorie.
Questa vellutata di cannellini è perfetta come piatto unico con due quenelle di riso, meglio se integrale o riso nero,
Decisamente orientale se la insaporiamo con spezie tostate come indicato sulla ricetta.
Questa zuppa di lenticchie profuma di Marocco, un gusto nuovo per la zuppa di lenticchie, vi riscalderà piacevolmente in una serata fredda.
Quale alimento è più detox del carciofo? La ricetta dei carciofi trifolati con i pomodorini secchi la potrete servire sia come contorno che come condimento di una buona pasta integrale o di queste meravigliose tagliatelle al grano saraceno.
La stagione della zucca sta finendo, approfittiamone per gustare questa preziosa e salutare verdura per preparare una cena  deliziosa semplice e veloce: crema di zucca (assolutamente da provare)

Questa zuppa di verdure invernale (preparata la sera prima e fatta riposare in frigorifero tutta la notte darà il meglio di se) la possiamo preparare anche in quantità e surgelarla così la troveremo pronta quando, tornati a casa infreddoliti, sentiremo bisogno di un confort food molto salutare.

Fresco e sfizioso può essere un antipasto o una merenda speciale, sarà una piacevole sorpresa per i vostri ospiti o un modo per coccolarsi in salute: Cruditè nel bicchiere

Finiamo con un dolce veramente speciale: facile e veloce ma di grande soddisfazione e con tanta frutta. I nostri bambini avranno una merenda veramente speciale: clafoutis alle mele







Cena di Natale Vegetariana Adica 2013 ... seconda puntata... le ricette

Ricette per la Cena di Natale Vegetariana ... seconda puntata

Il menù

Crocchette golose nel cartoccio
Muffin di zucca e cipollotto caramellato
Strudel profumato alla scarola
Maltagliati di farro in zuppa con ceci e cime di rapa
Vellutata di cannellini aromatizzata al riso venere e tofu fritto
Crumble di Natale profumato agli agrumi canditi e cioccolato

Nell'ultimo post   vi ho suggerito alcune  ricette della nostra cena vegetariana , oggi completo il menù con la vellutata di cannellini  che, per questo Natale, abbiamo aromatizzato con un risotto preparato con il profumatissimo riso venere. L'abbinamento è perfetto: il delicato profumo di nocciola di questo riso sisposa benissimo con i cannellini, di grande effetto l'accostamento cromatico del riso nero e lucido con il tenue colore della vellutata di cannellini, che ne fa un piatto da vera festa. Il piatto è stato completato con un tocco di tofu marinato nella salsa di soia e poi fatto saltare in padella all'ultimo minuto.
Golosi e colorati sono stati i muffin di zucca, provateli in questa ricetta a cui abbiamo aggiunto un cuore fondente di scamorza affumicata.
Li abbiamo poi accompagnati con una composta di cipolla rossa che è stata caramellata nello zucchero ed insaporita con succo di arancia, aceto di mele BIO e poco olio EVO. Una lunga cottura dolce ha amalgamato i sapori

Anche quest'anno il nostro dolce non si rifà alla tradizione industriale, ma vuole una preparazione assolutamente domestica.
Pur rispettando i sapori della tradizione abbiamo preferito un dolce non troppo ricco di grassi, proponendo una crostatina di frolla con un ripieno leggero di polpa di mela aromatizzata con cedro e arancia canditi e una crumble di copertura con pezzetti di nocciola. Il tutto, ovviamente, arricchito da una goduriosa ganache al cioccolato fondente.

Altre idee per i dolci di Natale(ma anche per tutte le merende dei nostri bambini) le trovate qua.






arance della salute

Banner AIRC
Related Posts with Thumbnails

Consigli



Questo blog si prefigge la pubblicazione delle ricette eseguite durante il corso. Ogni ricetta è pubblicata dopo essere stata sperimentata sia dall'autore che durante le lezioni. Se avete dei dubbi, o se la realizzazione delle ricette vi ha posto delle difficoltà non esitate a postare le vostre richieste.
Buona cucina a tutti!

qui trovate tutte le indicazioni nutrizionali di un alimento

Valori Nutrizionali

cene vegetariane Fan Box

Regala un libro di cucina vegetariana!

Le date dei corsi

Quelli che vi sono piaciuti di più