Benvenuti !

Credo in una cucina con meno prodotti di origine animale: fa bene a noi e fa bene all'ambiente.

Benvenuti nel blog della buona cucina italiana vegetariana

Prova le mie ricette anche durante le feste: stupirai i tuoi ospiti!

Sabato vi aspetto nel negozio di Natura Si di Lodi per farvi degustare uno stufatino di tempeh con le verdure, un tempeh saltato in padella con verdurine brusche e buonissime creme di tofu.
Vuoi un consiglio? vienimi a trovare!


L'orzo in insalata brusca





 Ieri sera avete mangiato le verdurine brusche, magari con del Salva cremasco o del quartirolo (formaggi che io preferisco alla inflazionata feta, italianissimi e fatti con il nostro latte) e ve ne sono avanzate un po'? Ottimo! ci prepareremo una freschissima insalata di orzo che potremo anche conservare per qualche giorno in frigorifero. Ceci e formaggi ne fanno un meraviglioso e sano piatto unico.
Insalata di orzo alle verdurine brusche
Ingredienti

dadolata di peperoni
zucchine e cipollotti bruschi
Orzo
orzo perlato 300 gr
verdurine brusche a piacere
capperi sotto sale  a piacere
formaggio Salva 100 g o 100 g di tofu o 100 g di ricotta di capra
ceci lessati 100 g
olive a piacere
olio EVO q.b.
sale (poco perchè ci sono già i capperi)
menta 5 foglie

Preparazione
dissalare i capperi in acqua fredda
Lessare l'orzo con poco sale e farlo raffreddare velocemente sciacquandolo velocemente
tagliare il formaggio a cubetti
unire tutto gli ingredienti e le foglie di menta sminuzzate e condire con un buon olio EVO
lasciare insaporire il tutto per 2 ore in frigorifero
quando lo servite mettete a disposizione un po' d'olio ai commensali che se lo aggiusteranno a piacere
Variante
A posto dell'orzo si può usare il farro


Variante Vegan
Al posto del formaggio si può usare una dadolata di tofu lasciata marinare 24 ore in frigorifero con un cucchiaio di salsa di soia

Le verdure brusche

L'estate porta con se una voglia di acidità che ci dona sensazioni di freschezza e ci aiuta a comabattere la calura. Per questi giorni così caldi ho preparato due verdure estive, con una punta di acido, che consumate fredde o a temperatura ambiente, sono ideali per la tavola di un fine estate torrido.
Potremmo chiamarli sottaceti, ma non sono da conservare, anzi da consumare subito come contorno o come parti di altre ricette.
Peperoni, zucchine e cipolle brusche
Ingredienti
500 gr di acqua
150 gr di aceto di mele
300 gr di peperoni
300 gr di zucchine
100 gr di cipollotto fresco

maggiorana fresca q.b.
sale q.b.
pepe rosa q.b.

Preparazione
portare a ebollizione l'acqua, l'aceto di mele, il sale e gli aromi
pulire i peperoni eliminando i semi e la membrana bianca all'interno
tagliare peperoni e zucchine a dadini di ca. 1 cm per lato e il cipollotto in spicchi
immergere le verdure nella bagna acidulata appena bollente e lasciarle sobbollire per qualche minuto, 3 o 4 cucchiai per volta, scolandole molto al dente
Possono essere condite con un buon olio toscano fruttato e foglioline di menta o con poca salsa di soia sbattuta con poco olio.


Pizza carassau (velocissima!!!)

Come ti salvo la cena in 5 minuti 

Ricettina velocissima per risolvere una cena con poca fatica e tanto gusto.

Il pane carassau è un ottimo prodotto da tenere sempre in casa, ha tanti pregi: si conserva a lungo, è un'ottima base per pizze e lasagne rapide, ottimo anche per piccoli sformati.
Lo potete trovare anche in versione integrale.
INGREDIENTI
pane carassau 3/4 fogli (secondo la dimensione della vostra teglia)
sugo al pomodoro e cipolla 200 g
mozzarella 200 g (preferisco la treccia perchè rilascia meno liquido)
olio EVO q.b.
olive sott'olio 10/15
parmigiano grattugiato 2 cucchiai
sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE
  • Preparare due teglie, la prima rivestitela con carta forno, ungetela con 1 cucchiaio di olio EVO, la seconda la riempirete a metà con acqua fredda, servirà per bagnare il pane carassau.
  • Immergete il foglio di pane velocemente nell'acqua e foderate il fondo della teglia. Non importa se si rompe e fa delle sfogliette, una volta cotto rimarrà unito. Anzi è un ottimo modo per riciclare i pezzetti.
  • Versate alcune cucchiaiate di sugo sopra la fetta di pane inumidita (che nel frattempo si sarà ammorbidita e avrà preso la forma della teglia) e spalmatela intorno, spolverizzare con il parmigiano.
  • Coprire ora con un altro foglio di pane inumidito e adagiarvi dei pezzetti di mozzarella.
  • Fare un nuovo strato di pane e sugo e continuare fino ad esaurimento degli ingredienti.
  • L'ultimo strato sarà con sugo e olive, irrorare con l'olio EVO, una spolverata di parmigiano e infornare a 200 °C per 20 minuti.
Ovviamente potete inserire o modificare gli ingredienti a piacere, fermo restando un ingrediente umido (in questo caso il sugo) che permette al tutto di amalgamarsi.
Tagliato a quadratini è ottimo per l'aperitivo.




Tempeh... buono davvero!


Tra le varie opportunità del mondo vegetale, per consumare proteine alternative alla carne, il tempeth è sicuramente una delle più gradevoli. Si presenta come un panetto di fagioli di soia compresso, molto compatto, facilmente affettabile o riducibile a cubetti. Ha un sapore gradevole di suo ma arricchisce armoniosamente stufati e sughi.
Oggi lo preparo come condimento ad un piatto di pasta con cime di rapa e una cucchiaiata di panna di soia che aggiungerà cremosità alla pasta, un lieve profumo di tabasco arricchirà il piatto.
INGREDIENTI
tempeh 100 g
cime di rapa già scottate (o altre verdure a piacere) 200 g
panna di soia 50 g
doppi concentrato di pomodoro
olio EVO 50 g
aglio 1 spicchio
acqua calda mezzo bicchiere
cipollotto fresco a piacere
tabasco 6 gocce
sale e pepe q.b.

PREPARAZIONE
Rosolo nell'olio EVO lo spicchio d'aglio schiacciato e il cipollotto tagliato a fette grosse.
Aggiungo il tempeh tagliato a dadini di 1 cm di lato e salto per un paio di minuti.
Tagliuzzo le cime di rapa già scottate (ma anche zucchine o peperoni o fagiolini) e le aggiungo in padella con l'acqua di cottura della pasta e il doppio concentrato di pomodoro.
Aggiusto di sale e pepe e faccio evaporare l'acqua a fuoco moderato.
Due minuti prima di togliere dal fuoco aggiungo la panna di soia e il tabasco, salto a fuoco vivace per rassodare e condisco la pasta, che nel frattempo si sarà cotta. Salto per un altro paio di minuti e servo caldissimo.

Aumentando le quantità può essere servito anche come secondo piatto oppure (tritando il tempeh e le cime di rapa più fini) su crostini di pane o polenta come aperitivo.
Qualche notizia sull'origine del tempeh la trovate QUI

arance della salute

Banner AIRC
Related Posts with Thumbnails

Consigli



Questo blog si prefigge la pubblicazione delle ricette eseguite durante il corso. Ogni ricetta è pubblicata dopo essere stata sperimentata sia dall'autore che durante le lezioni. Se avete dei dubbi, o se la realizzazione delle ricette vi ha posto delle difficoltà non esitate a postare le vostre richieste.
Buona cucina a tutti!

qui trovate tutte le indicazioni nutrizionali di un alimento

Valori Nutrizionali

cene vegetariane Fan Box

Regala un libro di cucina vegetariana!

Le date dei corsi

Quelli che vi sono piaciuti di più